News e avvenimenti

Raccontiamo - Tifone ONDOY

> News e avvenimenti > Filippine > Marikina - GRAZIE DEL VOSTRO SOSTEGNO > Raccontiamo - Tifone ONDOY

26 settembre 2009

Il Tifone “Ondoy” ha colpito Marikina

Le Figlie del Divino Zelo non sono risparmiate.

 

Chi poteva  pensare che sarebbe accaduto?

Quando la natura parla, tutto è silenzio……..

 

26 Settembre 2009 – È sabato, quando il tifone Ondoy di intensità  numero uno è arrivato nelle Filippine. A causa della continua e forte pioggia, gli operatori delle dighe temevano che queste traboccassero perciò le  hanno aperte  e le acque rilasciate hanno causato allagamenti in tanti luoghi, paesi e città  nei dintorni di Rizal,  Metro Manila e anche a Marikina.

Tante persone sono rimaste intrappolate nelle  loro case e sono morte, tante famiglie si sono separate, tanti sono i traumatizzati particolarmente i bambini, tanti sono i danni, i feriti e morti che sono si sono registrati. Quel giorno è stato pieno di angoscia, incertezza, ansia, timore perché nessuno poteva sapere cosa sarebbe successo dopo. Tante persone si sono trovate impreparate e anche noi Figlie del Divino Zelo non siamo state risparmiate.

Era poco dopo il pranzo quando all’improvviso l’acqua intorno alla casa è cominciata a salire rapidamente, è arrivata a 4 piedi fuori e dentro  mentre ad Olandes, il posto dietro il convento, l’acqua è arrivato fino 15 piedi. È stata veramente un’esperienza dolorosa e spaventosa perché non era mai successo prima. Tutte siamo rimaste calme ma sensibili a attente a qualunque peggioramento della situazione. Cercavamo di aiutare e sostenere ognuna, salvando qualsiasi cosa potevamo salvare dal primo piano della casa.

E’ stata per noi suore e postulanti  un esperienza dura non sapendo COME e QUANDO sarebbe finito tutto.

E anche per la folla…..

Impressa nella mia mente  le diverse emozioni sulle facce (bambini, giovani ed anziani) che hanno lottato per la loro vita mentre gridavano “aiuto”, prendendo qualunque cosa potevano salvare dalle loro case già sotto acqua, salivano i recinti, passando poi dal tetto, le mura e il cancello della nostra casa perché solo  così potevano uscire dall’Olandes.

Tremendo! Ma in mezzo a questa orribile, disastrosa e tragica situazione, si può solo imparare ad inginocchiarsi e a mettere tutto nelle mani del Onnipotente.   A Lui basta anche solo una piccola fiamma di fede e di speranza.

 

Davvero, tutto è nelle mani del Creatore…….

Suor M. Connie, fdz

 

Testimonianze

 

 Di fronte alla sofferenza che si abbatte su tutti, (ricchi, o poveri, noti, potenti o no)ho avuto un  immenso smarrimento.

Vedere la realtà è tremendo. La Natura Madre che è usata male ci sta dando una lezione.

Sperando……….

            Eppure sopra di tutto, io vedo la grazia di Dio così evidente nella vita degli uomini nonostante la loro durezza di cuore.

Sr. M. Jeanette, fdz

 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Typhoon "Ondoy" hit Marikina

The Daugthers of Divine Zeal  was not spared . . .

 

Who would think it will happen?

Ah! When NATURE speaks, everybody is silent....

 

SEPTEMBER 26.2009 - Saturday, when typhoon signal #1 "Ondoy" entered the Philippines. Due to its continuous heavy rainfall, dams were feared to overflow, thus they opened and released water from it which caused flood to many towns, cities and municipalities around Rizal and Metro Manila including Marikina.

Many were trapped and died inside their houses, many families were affected and separated, many were traumatized especially the children and worst, many damages and casualties were recorded after. Undeniably true was the fact that the day was already stamped with agony, obscurity, uncertainty, anxieties and fears for they knew not what will happen next.

Many were caught unprepared and we, the Daughters of Divine Zeal, were not spared from it!

It was shortly after our lunch when everybody was shocked by the sudden and rapid increase of water all around the convent. YES, we were not spared of the flood . If I am not mistaken the estimated level of water at the height of the disaster was about 4 ft outside and inside was about 3.5 ft ( referring to the vicinity of the convent only) while Olandes which is located at our back and gate 3 of the subdivision was 15 ft high already. It was really a very tragic one and it never happened before.

Nevertheless. everybody remained calm, sensible and attentive/alert to whatever worst may happen next. I think "presence of mind" was in everybody as we tried to help one another save whatever we could save from the ground floor.

It was for us, sisters and postulants a very tough experience not knowing HOW and WHEN everything would end up.

Painted in my memory were the different emotions registered in their faces (both the young  and the old ) who were battling for their life while they cried for help. Carrying whatever they could save from their houses, which, at that time were submerged already in water, climbed up the fence then passed through the incinerator, the roof, the wall, the gate of the convent for it was the only way to get out from Olandes.

Scary? Honestly YES! Yet in the midst of such horrible, disastrous and tragic situation, who

would not learn how to bend their knees and surrender everything to the Almighty. Even a simple flicker of faith and hope was enough for Him.

Indeed, everything is in the hands of the Creator…

Suor M. Connie Borjal

 
Torna alla pagina precedente