News e avvenimenti

SPAGNA - 50 ANNI DI FONDAZIONE

> News e avvenimenti > Albania e Spagna > Spagna > SPAGNA - 50 ANNI DI FONDAZIONE

20 maggio 1959 - 2009

 

Dalla Circolare della Madre Generale

 

Il 20 maggio c.a. ricorre il 50° anniversario del primo ingresso delle nostre opere  in Spagna. È giusto ed opportuno farne memoria trasmettendone il ricordo non solo alle Consorelle, ormai anziane, che a quegli eventi possono aver partecipato con il loro contributo fattivo o con le preghiere, ma soprattutto a quante, più giovani, non ne sono a conoscenza direttamente.

Desidero celebrare  questa data per dei motivi che ritengo fondamentali:

1)       leggere ed interpretare, insieme a Voi, il disegno di Dio, Signore della nostra Congregazione ed amoroso Padrone della messe, nella sua pienezza e nella sua incommensurabile provvidenzialità e alla luce che viene dalla distanza segnata dal tempo. Egli,  intessendo occasioni apparentemente fortuite, ispirando decisioni coraggiose, fornendo al momento dovuto gli strumenti indispensabili, allargava prepotentemente, nell’ormai lontano 1959, gli orizzonti d’intervento di noi umili operaie a quella dimensione universale, a quella globalità senza confini, che è oggi una realtà concreta;

2)       farne lode e ringraziamento, nella consapevolezza gioiosa che Dio è stato ed è sempre con noi, nella fatica del quotidiano di ognuna, come di ciascuna comunità: guida insostituibile del nostro cammino, Egli lo indirizza e lo orienta al di là delle nostre  stesse intenzioni e dei nostri limiti (i quali a volte ci vorrebbero tenere ancorate al perfezionamento – o al mantenimento – di ciò che già c’è ed è “sicuro”), lanciandoci continuamente in un sorta di avventura straordinaria, di cui è Lui l’inventore;

3)  trarre esempio dalle semplici, ma significative vicende di queste Fondazioni in terra straniera: le nostre Consorelle  - è vero  - hanno avuto un po’ di  “paura”  dell’ignoto che le aspettava, hanno avvertito dolore e nostalgia per quanto lasciavano e a cui erano abituate, erano coscienti - non senza sgomento – degli ostacoli insidiosi che avrebbero incontrato a causa della lingua  che non conoscevano e che è strumento primario di comunicazione e di evangelizzazione, a causa degli usi e costumi diversi a cui dovevano adattarsi, a causa del nulla da cui partivano per costruire tutto. Ma hanno avuto fiducia cieca nello Sposo, scelto con amore all’atto della loro consacrazione; hanno provato forte la gioia di rinnovare nel concreto della vita il Sì  pronunziato nell’entusiasmo giovanile  di una straordinaria scoperta esistenziale; hanno sentito, quale insopprimibile esigenza, superiore a qualsiasi timore o diffidenza o senso di incapacità, di dover rispondere al grido di Gesù: “La messe è molta, ma gli operai sono pochi”, ma, più ancora, all’ardore del Suo Cuore compassionevole ed addolorato.

Vai al dettaglio Spagna - Ricostruzione Storica (italiana)
dalla circ. della Madre Generale
La vicenda “Spagna” presenta, per così dire, contorni meno drammatici di altre missioni, pur permanendo, anche in questo caso, il peso del distacco dalle proprie radici e dalla propria terra e la problematicità del “nuovo” da affrontare. Vai al dettaglio
Vai al dettaglio Spagna - Ricostruzione Storica (spagnola)
dal invito
Las primeras Hijas del Divino Celo que hubo en España fueron tres Hermanas italianas que atendieron a las diferentes peticiones que se les había hecho para obras sociales y promoción vocacional... Vai al dettaglio
 
Torna alla pagina precedente