News e avvenimenti

Professione Perpetua - Suor M. Cassilde Mukarurangwa

> News e avvenimenti > Cameroun e Rwanda > Rwanda > Professione Perpetua - Suor M. Cassilde Mukarurangwa

Butare - Rwanda, 8 settembre 2006

Il mio cuore è pieno di gioia, e esprimere  la lode il ringraziamento al Signore perchè mi ha amata per primo e mi ha scelta a seguirlo più da vicino.   Per tutta la mia vita posso dire che il Signore è buono, eterna è la sua misericordia

Egli mi ha  scelta prima che lo conoscessi. L’ho conosciuto nel momento in cui  ho fatto la prima comunione, quel giorno, durante la messa sentivo qualcosa di diverso  dentro di me!  Era la Sua chiamata, pensavo  così: quando sarò grande  diventerò una suora. Man mano che crescevo, la mia vocazione maturava,  ma nessuna Congregazione poteva accettarmi perché avevo dodici anni e  facevo la seconda elementare.Il Signore mi voleva più tardi in questa Famiglia Religiosa delle  F.D.Z.

Arrivato il tempo di lasciare la mia famiglia d’origine  a 22 anni di età ho sentito parlare delle Suore Figlie del Divino Zelo e  ho cercato anch’io di conoscerle. Ho fatto esperienza con loro ed ho trovato il mio posto perché mi piaceva  il Carisma “ROGATE”. Le Suore mi hanno accolto con gioia .  Ma non c’è vita senza difficoltà; è arrivata la guerra nel 1994 che ha messo alla prova la mia fede e la mia speranza.  Pensavo che tutto fosse finito, la situazione era grave, ma il Signore non mi ha abbandonata mai , è stato sempre il mio Pastore nulla mi è mancato e nulla mi mancherà ( Sl.22).

Colgo l’occasione per ringraziare le suore che mi hanno accolta con gioia senza considerare né la mia intelligenza né la mia bellezza, ringrazio  tutte le persone che mi hanno accompagnata nel mio cammino spirituale di formazione religiosa. In modo particolare ringrazio i miei genitori perchè mi hanno fatta entrare nella famiglia cristiana il giorno che ho ricevuto il Battesimo, per la buona educazione che mi hanno data e per tutto quello che hanno fatto per me. Il Signore dia loro la grazia di sopportare il peso della malattia . Anch’io mi affido al Signore perché so che  i voti perpetui non sono il termine del cammino di ascesi, ma  un segno d’amore con il quale mi sono legata al Signore e alla Congregazione per sempre fino alla morte.

 

Suor M. Cassilde Mukarurangwa, fdz

 
Torna alla pagina precedente