News e avvenimenti

Si apre l'anno di lode...per il primo giubileo in Rwanda

> News e avvenimenti > Cameroun e Rwanda > Rwanda > Si apre l'anno di lode...per il primo giubileo in Rwanda

Rwanda, 6 gennaio

 

Messaggio della Madre Generale

alle comunità di Kabutare-Huye, di Buye - Huye  e di Gatare

 

 

Carissime Madri e Sorelle,

 

la felice ricorrenza di 25 anni di presenza della Congregazione delle Figlie del Divino Zelo in Rwanda  che celebreremo il prossimo anno vi vede oggi riunite per iniziare un anno di lode e di ringraziamento al Signore per le grandi cose che Egli ha operato in questi anni di grazia.

25 anni di presenza delle Figlie del Divino Zelo in Rwanda  sono storia sacra, una storia che nel suo svolgersi ha visto il contributo di tante persone che in vario modo hanno risposto alla chiamata di Dio perché si realizzasse il sogno di sant’Annibale: portare il vessillo del Rogate in Africa, terra che nell’elenco dei suoi sogni missionari egli mette al primo posto.

Guardando gli inizi della missione nella cronaca dell’Istituto  si legge: “ Nell’anno del Signore 1990, a distanza di circa 70 anni dal giorno in cui Padre Annibale esprimeva il desiderio di vedere partire  le sue Figlie per l’evangelizzazione dei popoli, il profetico sogno si è avverato…”.  Contemporaneamente, con tanta gioia, ho preso atto che il logo e lo slogan che avete creato per questo anno di preparazione “Il Rogate al servizio dell’evangelizzazione” riprendono  proprio il sogno del Fondatore e centrano la missione evangelizzatrice, che ieri come oggi, è sempre attuale per le Figlie del Divino Zelo.

Oggi eleviamo un canto di lode nel vedere come il carisma, affidato loro da Dio, dalla Chiesa e dal Fondatore, ha dato copiosi e abbondanti frutti di vocazioni, di opere di bene, di apostolato in Rwanda  e anche in altre parti del mondo attraverso la testimonianza e il servizio apostolico di numerose Figlie del Divino Zelo rwandesi.

In questo giorno in cui iniziate l’anno di ringraziamento al Signore, vi esprimo la mia vicinanza, il mio affetto e la mia preghiera.

 Sostenute dalla testimonianza della Madre M. Nazarena, nostra confondatrice, auguro che il cammino di questi 25 anni possa ancora continuare  con rinnovato slancio e zelo, nel segno dell’amore a Cristo, Luce del mondo, alla Chiesa, segno e strumento di unità per tutti i popoli, e alla Congregazione, dono per la messe sparsa nel mondo.

Nell’Epifania del Signore.

 

Madre M. Teolinda Salemi

 

 

 

 

 

Preghiera per il giubileo di 25 anni

di fondazione delle Figlie del Divino Zelo in Rwanda

 

Signore, sorgente di ogni bene,

Dio Onnipotente, Creatore del Cielo e della terra,

ti lodiamo e ti benediciamo,

perche ci hai creato nel tuo amore

e ci hai chiamato nell’amore.

 

Cristo Gesù, Padrone della Messe,

con il tuo Spirito hai spirato a Sant Annibale M.

il comandamento del Rogate e lo ha portato nel mondo

fino qui in Rwanda dove ci prepariamo

a celebrare il Giubileo di 25 anni.

 

Ti ringraziamo Signore

per le nostre consorelle missionarie

che si sono offerte per continuare

la missione di Sant ‘Annibale Maria Di Francia.

 

In quest’anno ti rendiamo grazie Signore

per tutte le meraviglie compiute in  25 anni,

le vocazioni ricevute,

le opere apostoliche assistite e accompagnate  dal tuo Amore.

 

Padre buono noi ci offriamo a Te,

donaci la grazia di continuare

le opere iniziate nella fedeltà al nostro Carisma.

 

Formaci nel tuo timore e accendi in noi

il fervore di essere sempre Figlie del Divino Zelo

secondo il tuo  Cuore.

 

Benedici le nostre comunità

e donaci numerosi e sante vocazioni

affinché Tu sia conosciuto e amato dal mondo intero.

 

Dio misericordioso, noi ti chiediamo perdono

per tutte le nostre infedeltà, rafforzaci nell’ amore

e nella fede per testimoniarti sempre.

 

Vergine Immacolata,

modello di tutte le persone Consacrate,

continua  ad esserci  vicino

per poter piacere al tuo Figlio.

 

Ci mettiamo sotto la protezione del nostro Santo Fondatore,

di madre Maria Nazarena Majone, nostra Confondatrice,

e dei Santi protettori della nostra famiglia religiosa. Cosi sia.

 

 

 
Torna alla pagina precedente