Giornata Missionaria F.D.Z.

Kerala (South India)

> Giornata Missionaria F.D.Z. > Giornata missionaria 2009 > Kerala (South India)

terra delle noci di cocco

        

Accarezzata ad ovest dal Mare Arabico e ad est dai nebbiosi Gati Occidentali, il Kerala, grazie alla sua ricca diversitÓ naturale e culturale, gode di una posizione geografica unica, dove sono presenti le manifestazioni della straordinaria antica cultura.

         Nonostante un benessere che inizia ad essere palpabile nei suoi grossi centri urbani, comunque collegato ad una minoranza della popolazione, la povertÓ Ŕ largamente diffusa, con punte di miseria assoluta, mimetizzata da una natura rigogliosa e spesso incontaminata.

         Il Kerala, nato nel 1956 a seguito dell'as­sorbimento del regno di Travancore con il Regno di Cochin, si estende lungo 560 Km di costa. Situato nella parte meridionale della Repubblica Indiana, il Kerala si divide in 14 distretti amministrativi, con Trivandrum (in inglese) o Thriruvananthapuranm come capoluogo. La lingua Ŕ il Malayalam che trae origine dal tamil. La vita sociale e le tradizioni sono fortemente radicate.

         Nonostante le migliorate condizioni eco­nomiche, i Keraliti non hanno smarrito il loro legame con il passato e la propria identitÓ cul­turale. Al suo interno si constatano forti con­traddizioni e livelli assoluti di disuguaglianza socio- economica e culturale.

         Il Kerala Ŕ una terra di miti, misteri e leggende: ogni villaggio ha il suo mito circa la propria origine e ci˛ si manifesta nella cultura e nei riti. Le leggende del Kerala sono strettamente legate a Vishnu, il protettore dell'Universo secondo la mitologia ind¨ ed alle sue reincarnazioni; esso Ŕ inoltre menzionato nelle antiche epopee indiane dei Mahabharata. Il Kerala Ŕ forse l'unico luogo al mondo dove I'Ayurveda Ŕ praticata con assoluta auten­ticitÓ e dedizione. Questo antico sistema olistico, affidabile e validato dal tempo, Ŕ un meto­do naturale per ottenere salute e longevitÓ, con trattamenti ringiovanenti e specifici per alcuni disturbi. Massaggio con olii, bagni medicamen­tosi, diete con erbe, meditazione, yoga ů

 

Il Cristianesimo in India

         L'evangelizzazione di San Tommaso Apostolo, il primo Missionario d'Oriente nell'India Meridionale, avvenuta nel 52 d.C, gener˛ la Chiesa chiamata oggi "siro- malaba­rese" che appartiene alla tradizione rituale Caldea. Secondo gli storici, l'Apostolo Tommaso seguý la via del commercio, dal Medio Oriente all'India e approd˛ sulla costa dell'attuale Kerala, nota come Malabar ai mer­canti di spezie, per diffondere il Vangelo in questa regione famosa per il pepe. Oggi il Kerala Ŕ l'area con la maggiore densitÓ di cat­tolici in India. ╚ da ricordare che la comunitÓ cristiana in questo luogo, conobbe una gran­de fioritura nei secoli successivi. E quando i Portoghesi arrivarono in India alla fine del XV sec., essi incontrarono con grande stupore le comunitÓ cristiane fondate da San Tommaso, ampiamente integrate nella societÓ indiana.

         Con i mercanti Portoghesi giunse in India anche un altro grande Apostolo dell'Oriente: San Francesco Saverio, che dopo tredici mesi di navigazione, il 6 maggio 1542 giunse a Goa, capitale dell'Impero portoghese delle Indie Orientali. Saverio rimase in terre india­ne per due anni, visitando le comunitÓ, annunziando la Buona Novella e con l'aiuto di alcuni interpreti, traducono le preghiere in lingua locale. Le conversioni operate con l'aiuto dei catechisti, furono innumerevoli. Francesco Saverio trov˛ in India una piccola comunitÓ che da oltre mille anni aveva conservato una fede incon­taminata, tramandata di generazio­ne, come una Luce consegnata di padre in figlio.

        I missionari della Chiesa di rito latino, si trovarono con stupore e commozione di fronte a queste comunitÓ, dove albergava il seme di una fede primitiva ma autentica. La Chiesa cattolica in India oggi Ŕ profondamente radicata, nono­stante sia praticata da una mino­ranza della popolazione. Essa comprende tre riti: il siro-mala‑barese, la cui chiesa oggi presenta grande vitalitÓ, soprattutto nella capacitÓ di generare vocazioni sacerdotali e per la vita consacrata, il siro-malankarese e il rito latino.

            La Chiesa cattolica in India, oltre l'annun­cio del Vangelo dispone di una grande rete di scuole, ospedali, asili, opere caritative e di solidarietÓ, coinvolgendo un grande numero di religiosi di vari ordini e congregazioni, del quale Madre Teresa di Calcutta Ŕ la pi¨ grande testimone.

 
Torna alla pagina precedente