Le Figlie del Divino Zelo

UNA VOCAZIONE PER TUTTE LE VOCAZIONI

> Le Figlie del Divino Zelo

       


 Le Figlie del Divino Zelo e i Padri Rogazionisti 

 

Annibale Maria Di Francia, sin da giovane intuì, per dono di Dio, l’importanza della preghiera per ottenere “Uomini santi e sacerdoti eletti”. In seguito restò sorpreso e compenetrato quando scoprì nel vangelo quelle divine parole di Gesù: «Messis quidem multa, operaii autem pauci. Rogate ergo Dominum messi ut mittat operaios in messem suam» o «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il Signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!» (Mt 9,35-38; Lc 10,2) e sentì quel comando come rivolto a lui perché ne diventasse apostolo e propagatore.

 

Nel suo ministero sacerdotale tra i poveri del quartiere Avignone di Messina, sperimentò la drammaticità della “messe” senza pastore e di fronte alla “pochezza” delle sue forze trovò nella parola del Signore la risposta al bisogno di salvezza dell'umanità.

     Maturò quindi l’idea di fondare due comunità religiose le quali, condividendo la compassione di Cristo per le folle abbandonate e disperse, si impegnassero con voto a obbedire al comando di Gesù “ROGATE”.

Diede il nome di Figlie del Divino Zelo del Cuore di Gesù all’Istituto femminile (19 marzo 1887) e di Rogazionisti del Cuore di Gesù a quello maschile (15 settembre 1901).

      In continuità con il Padre Annibale esse sono chiamate ad armonizzare in un unico e ardente amore per Cristo, Divino Rogazionista, la preghiera per i buoni operai del vangelo e l'inesauribile carità per i piccoli e i poveri.

 

 

CARISMA

Il Carisma del nostro Istituto è l’intelli­genza e lo zelo delle parole del Signore: «Messis quidem multa, operaii autem pauci. Rogate ergo Dominum messis ut mittat operaios in messem suam» «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!» (Mt 9,35-38; Lc 10,2)

L’obbedienza a questo divino comando, che contiene “un segreto di salvezza” per l'umanità, è il dono che ci caratterizza nella Chiesa come Figlie del Divino Zelo ed esige in noi un fervente spirito di preghiera e di azione rogazionista.

Esprimiamo la nostra specifica consa­crazione a Dio nella Chiesa l’adempimento del comando del Cuore di Gesù: «Rogate ergo Dominum messis ut mittat operarios in messem suam» che forma il 4° voto delle Figlie del Divino Zelo e dà luce particolare alla  pratica dei consigli evangelici di castità, povertà e obbedienza.

Il carisma del Rogate ci impegna a:

 

·       pregare quotidianamente perché il Signore susciti gli operai del Vangelo,

·       propagare dovunque questo spirito di preghiera e promuovere le vocazioni nella chiesa,

·       essere “buone operaie” del Regno rendendoci disponibili con il dono di tutta la vita per la promozione umana e l’evangelizzazione dei piccoli e dei poveri.

 

Il Rogate, come ogni preghiera evangelica, si radica in una comunità orante e la sua efficacia è legata alla vita di comunione. La condivisione dell'unico carisma rafforza l’unità delle nostre comunità che divengono così portatrici nella Chie­sa dello stesso dono dello Spirito. L'idea risorsa del “Rogate” ci introduce negli interessi del Cuore di Gesù e ci impegna a farli nostri e a dedicarci ad essi con zelo.

Il carisma, dono dello Spirito, trasmesso a noi dal Padre Fondatore e autenticato dalla Chie­sa, ci è stato affidato per essere accolto, vissuto, custo­dito, approfondito e costantemente sviluppato in una fedeltà dinamica, in piena docilità all'ispira­zione divina e al discernimento ecclesiale.

 

 

SPIRITUALITA'

 La nostra spiritualità è l'itinerario di santità derivante dall’intelligenza e dallo zelo del Rogate, come è stata vissuta dal Padre Fondatore e tramandata nel patrimonio dell’Istituto, fa di noi Figlie del Divino Zelo una preghiera vivente e impetratrice di operai del Vangelo per il Regno di Dio.

Essa si esprime nella conformazione a Cristo nel suo mistero di unione a Dio Padre e di dedizione ai fratelli e prolunga nel tempo la sua compassione per la messe con la preghiera e con la carità.

Sorgente e alimento del nostro cammino spirituale è il Cuore di Cristo, come indica il Padre Fondatore: “Le Figlie del Divino Zelo ... hanno un fine tutto speciale, cioè penetrare nel Costato SS.mo di Gesù, vivere dentro quel Divino Cuore, sentirvi l’amore, sposarne tutti gli interessi, compatirne tutte le pene, parteciparne il sacrificio, consolare quel Divino Cuore con la propria santificazione e con l’acquistargli anime, specialmente con l’ubbidire a quel Divino Comando uscito dal divino zelo del Cuore di Gesù quando disse: ‘La messe è molta, ma gli operai sono pochi, pregate dunque il padrone della Messe che mandi operai nella sua messe’. Tutto ciò faranno con gli esercizi di Marta e di Maria, cioè della vita interiore e della vita attiva”.

L’assidua contemplazione di questo mistero di amore ci fa capaci di comprendere la compassione di Cristo alla vista dell’umanità “stanca e sfinita”, di condividere le pene intime del suo Cuore e di operare con zelo e sacrificio per la salvezza della messe: "Non siate indifferenti alla perdita di una sola anima perché un'anima sola costa tutto il sangue di Cristo e gli è preziosa come tutte le anime assieme unite”.

Il centro vitale in cui si realizza l'incontro con il Cuore di Cristo è l’Eucarestia. In essa Egli si rivela come il Divino Rogazionista che pieno d’amore per la messe abbandonata offre la sua vita a Dio Padre, ci unisce nella sua offerta per impetrare il dono dei buoni operai e ci fa diventare, come Lui, pane spezzato per la fame dell’umanità.

Pertanto, riteniamo l'Eucaristia come la fonte e il centro della nostra consacrazione, comunione e missione.

Maria Immacolata è il nostro modello di consacrazione verginale e di dedizione totale al Signore. Lei, Madre della chiesa, che ha creduto nell’adempimento delle parole del Signore e ha custodito e vissuto il divino comando del Rogate, ci invita a compiere fedelmente la parola che il Figlio ci ha affidato.

L’Istituto è dedicato al Cuore SS.mo di Gesù e alla SS.ma Vergine Immacolata, nostri Divini Superiori e ha come speciali patroni S. Michele Arcangelo, S. Giuseppe e S. Antonio di Padova, alla cui protezione sono affidate le nostre opere socio-educative .

 

 

MISSIONE

 La missione del nostro Istituto ha come fonte e modello Cristo, Divino Rogazionista, e si qualifica per un particolare spirito di preghiera e di servizio caritativo apostolico. Per rispondere a tale missione noi Figlie del Divino Zelo: 

·      eleviamo giornalmente a questo scopo la nostra preghiera in spirito di obbedienza al divino comando del Rogate; offriamo a Dio, in unione ai meriti di Gesù Cristo, specialmente nel sacri­ficio eucaristico, tutta la nostra vita: le azioni, le preghiere, le penitenze; iniziamo e conclu­diamo ogni atto comunitario con la preghiera: “Mitte, Domine, operarios in messem tuam” o “Manda, Signore, apostoli santi nella tua chiesa” o altra simile.

 ·      ci impegniamo con zelo, aiutate dalla divina grazia, a far conoscere con tutti i mezzi la gran­de importanza del comando del Cuore di Gesù e a diffondere la necessità di tale preghiera; promuoviamo nella Chiesa locale la pastorale vocazionale accompagnando ciascun battezzato a rispondere al progetto di Dio nella propria vita e coltiviamo particolarmente le vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata sostenendone con tutti i mezzi la crescita e la perseveranza.

 ·      ci dedichiamo alla promozione umana e cristiana dell’infanzia e della gioventù più povera e bisognosa e ne curiamo la preparazione professionale e l'inserimento sociale; realizziamo opere educative e collaboriamo alla pastorale della Chiesa locale secondo lo spirito dell'Istituto; soccorriamo ed evangelizziamo i poveri secondo i bisogni e le forme più idonee.

 

 
Salva questo testoSegnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente